SOTTOPIATTO Storie di cibo

La third wave of coffee: il gusto del caffè non sarà più quello di prima?

di Camilla Micheletti 15 feb 2016 0

La rivoluzione della cosiddetta terza ondata del caffè, spiegata per filo e per segno. Nata all'estero, sta arrivando anche in Italia.

Third wave of coffee

Foto di tampabay.com

«Ci prendiamo un caffè al volo?». Quante volte abbiamo scambiato questa frase con colleghi e amici? Per il nostro modo di intendere il caffè, il fatto di bersi una tazzina al bancone in una manciata di secondi è del tutto normale. Ma esiste un mondo di amanti del caffè per cui una domanda del genere suonerebbe a dir poco strana. È il popolo della cosiddetta third wave of coffee, letteralmente la "terza ondata del caffè", un fenomeno che fa della scura bevanda fumante la protagonista di un’esperienza sensoriale, da vivere con calma e, soprattutto, da valorizzare in tutti i passaggi che portano il chicco di caffè dalla pianta alla tazza. 

LEGGI ANCHE ⇒
Che cos'è (davvero) il caffè americano? 

La third wave of coffee nasce all’inizio del nuovo millennio nei paesi anglosassoni e scandinavi, per arrivare, con l’onda lunga caratteristica di ogni rivoluzione, nelle cucine della Casa Bianca, nei locali hipster di Berlino e nelle carte dei secessionisti caffè viennesi. Su di essa sono stati scritti articoli, girati documentari e servizi in tv, e oggi l’ondata è arrivata ad affacciarsi timidamente anche nel paese che si considera la patria del buon caffè. L’Italia, appunto.

CHE COS'È E COME NASCE 

Una definizione che ben racconta questo nuovo modo di intendere il caffè è riportata sul sito Il caffè espresso italiano:

«I chicchi provengono da fattorie invece che da nazioni, la tostatura serve a tirar fuori i migliori aromi più che a carbonizzare i peggiori e ogni tazzina ha un sapore pulito, duro e puro».


Il termine third wave of coffee fu coniato nel 2002 da Trish Rothgeb, un tostatore norvegese che lo utilizzò in una newsletter destinata all’associazione Speciality Coffee Association of America. Il termine è nato dalla convinzione che i consumatori di caffè nel Nord Europa e nei paesi anglosassoni siano passati attraverso diverse fasi di approccio alla bevanda.

La prima ondata, caratterizzata da una scarsa attenzione alla qualità, è stata quella dominata dai prodotti solubili: il caffè era un bene di prima necessità, buono per espletare soprattutto la funzione di sveglia mattutina.

Le abitudini dei consumatori sono cambiate con l’avvento delle catene di caffetterie – Starbucks in primis – che hanno trasformato l’assunzione di caffè in un’occasione di condivisione: la caffetteria diventa un luogo di incontro, dove si trascorre il tempo libero e anche quello lavorativo, con il caffè come contorno. È la seconda ondata.

Per quanto riguarda la terza ondata, invece, ci troviamo di fronte alla ricerca di un caffè che potremmo definire artigianale sotto ogni punto di vista.

Tostatura del caffè
Foto di Andi_Graf/Pixabay

Una rivoluzione che va a investire il sistema caffè in maniera totale, dal produttore al consumatore finale. Tutti i passaggi della filiera sono importanti, a partire dal terroir della zona di produzione fino alla scelta della varietà e dell’eventuale blend, che condiziona a sua volta la tostatura e la preparazione finale. In questo processo, diventa fondamentale il ruolo delle microroasteries, le torrefazioni che selezionano direttamente i chicchi e si appoggiano alla propria caffetteria, solitamente collegata all’attività.

Cambiano i macchinari e le modalità in cui il caffè viene proposto a un pubblico disposto a pagare un prodotto che racconti una storia. La differenza sta anche nel gusto, diverso a seconda del metodo di estrazione scelto: dal classico espresso fino a modalità nuove o rispolverate dal passato, come chemex, un filtro in vetro e legno in cui il caffè viene estratto per percolazione, french press e syphon.

Macchine per il caffè - third wave of coffee
Foto di tampabay.com

LA VIA ITALIANA 

Sul tema caffè l’Italia è un paese difficile (siamo tutti grandi esperti, no?), come dimostra il polverone mediatico sollevato al solo annuncio dello sbarco di Starbucks a Milano, poi non avvenuto.

Il caffè della third wave è frutto di una scelta consapevole


Ci sono due principali resistenze al nuovo approccio, strettamente collegate. La prima è di natura sociale, e risiede nel fatto che l’assunzione di caffè risponde a precise regole non codificate. Il caffè si beve alla mattina per svegliarsi, al bar per una pausa, dopo pranzo e talvolta anche dopo cena. In tutte queste occasioni si tratta di un gesto automatico e la miscela è quasi sempre la stessa. Il caffè della third wave è invece il frutto di una scelta consapevole, come la decisione di stappare una determinata bottiglia di vino in una determinata occasione o in abbinamento a una portata e/o a un piatto specifico. 


La seconda resistenza è di natura culturale. Nonostante il tessuto capillare di torrefazioni e microtorrefazioni presenti nel nostro paese (ce ne sono circa 800), solitamente rimaniamo legati al caffè che abbiamo sempre consumato, senza sentire il bisogno di sperimentare prodotti diversi. Pur essendo forti consumatori, la conoscenza del mondo del caffè è paradossalmente molto poco diffusa.

Se da un lato stimolare la conoscenza del settore cavalcando la third wave potrebbe portare vantaggi alle torrefazioni locali, dall’altro offrirebbe ai consumatori la possibilità di riappropriarsi di un gesto di natura culturale. L’atmosfera di condivisione e piacevolezza tipica dei bar italiani – che d'altro canto aveva ispirato proprio la nascita di Starbucks – oggi è difficile da assaporare a causa della frenesia che caratterizza le nostre vite. La third wave of coffee potrebbe diventare lo spunto per sperimentare un vecchio-nuovo modo di rilassarsi, di stare insieme, o semplicemente di passare il tempo. 

I PIONIERI DELLA THIRD WAVE IN ITALIA 

In Italia i locali ispirati al nuovo modo di intendere il caffè hanno scelto di puntare sulla valorizzazione dell’origine, partendo proprio da un espresso di qualità affiancato da proposte alternative. Anche se stiamo ancora aspettando il vero tsunami, ecco una piccola (e parziale) selezione di indirizzi da tenere d’occhio. 

Orso, Laboratorio caffè – Torino 

Bottega delle delizie – Bra 

Taglio – Milano 

Caffè Pascucci – Milano 

Ditta artigianale – Firenze 

Filter Coffee Lab – Pisa

 

 

COMMENTI (0) AGGIUNGI UN COMMENTO



* Campi obbligatori

Non ci sono commenti